Vai al contenuto

pubblicità

Consigli per i consigli per gli acquisti.

e-tu-dove-glielo-metteresti

Il sindaco Marino ha deciso di vietare a Roma affissioni che espongono il corpo della donna, infilandosi nella lunga schiera di chi pensa che basti una legge per impedire le cose sbagliate.
Che la pubblicità faccia persuasione, senza peraltro riuscirci, è un fatto; ciò non significa che debba farlo con cattive intenzioni. Pubblicizzare un prodotto comunicandone al meglio i benefici per il pubblico, non è di per sé una cosa sbagliata. Da quelle vendite dipendono posti di lavoro da una parte e il benessere di un cittadino dall’altra.
Diverso è quando la pubblicità – e qui entriamo nella gran parte della comunicazione nazionale – dice male ciò che vuole dire, cercando di persuadere le persone con messaggi martellanti, dannosi, falsi o addirittura inutili: messaggi, sia chiaro, spesso voluti dalla marca stessa e ai quali le agenzie pur di guadagnare (sempre meno) si piegano ormai senza fiatare.
È così, per esempio, che ci troviamo di fronte a campagne che sminuiscono la donna quando si parla di assorbenti: “Quei giorni lì io non riesco a far bene la ruota in palestra”.
Oppure: “Io lo disegno come un palloncino tutto rosso” e giù risate tra amiche.
Conosco donne che il primo di quei giorni lì non possono neanche alzarsi dal letto dai dolori e ciò nonostante vanno a lavorare, si prendono cura di case, figli e mariti che invece al primo starnuto fanno testamento tra i lamenti.

Leggi tutto »Consigli per i consigli per gli acquisti.

indigestione di diminutivi

Indigestione di diminutivi.

indigestione di diminutiviDiminutivi. Robetta? Forse.

Ma siamo o non siamo qui per parlare di parole? In tutti i sensi? È ora quindi di andare oltre gli argomenti che riguardano strettamente il mestiere di scrivere per la pubblicità. Continuare solo in quella direzione potrebbe rivelarsi noioso. E nocivo. Al punto che qualcuno potrebbe dire: – Se tu fossi un pubblicitario figo, uno con la faccia da “abbiamo avuto l’esclusiva” e le colleghe pronte a liquefarsi per un tuo mezzo sorriso, tipo protagonista di Mad Men, non sentiresti il bisogno di scrivere unicamente cose autoreferenziali (Ho scritto “figo”. Avrei potuto dire “cool”, ma da quando me lo fecero togliere da un testo perché assonante con il nome del posteriore umano evito di usarlo).Leggi tutto »Indigestione di diminutivi.

copy self victim

Copy-Self-Victim

Ovvero: Il mio gatto preferisce Whiskas.

Nelle mie notti di veglia scrittoria, cercando in tv ispirazione per un presto ritorno del sonno perduto, ogni tanto capito davanti a un programma allucinante che si chiama “Pazzi per la spesa”, naturalmente su Real Time che nel suo palinsesto offre sempre il meglio di ciò di cui è capace l’uomo (vedi gente sepolta in casa dalla propria immondizia, chef incazzosi e madri snaturate che spendono due stipendi di un anno per il 6° compleanno della figlia).Leggi tutto »Copy-Self-Victim

album direttori creativi italiani

Album Direttori Creativi Italiani

album direttori creativi italianiDal 4 maggio 2012 parte “Il Grande Venerdì di Enzo”. L’attesissima raccolta dei più importanti direttori creativi italiani. Cosa aspetti? Collezionali tutti!

Dal nostro inviato a Roma. Finalmente venerdì scorso si è svolto l’incontro amichevole che tanti giovani – e meno giovani – creativi sognavano da sempre. Tanti direttori creativi riuniti nei campi di Roma e Milano, senza pericolo di fuga, tutti da collezionare, interrogare, incuriosire, portfolizzare, e addirittura gratis! L’occasione è ghiottissima e tutti noi più o meno giovani siamo stati portati a questo evento imperdibile dalla panza, in nome di Enzo Baldoni, uno dei più grossi esempi di creatività e curiosità che la pubblicità italiana possa vantare.Leggi tutto »Album Direttori Creativi Italiani

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...