I dieci comandamenti.

Il decalogo del perfetto cliente.

i 10 comandamenti cliente

E il Direttore Creativo pronunciò queste parole rivolte ai clienti della sua agenzia.

I. Noi siamo la tua agenzia, non avrai altra agenzia all’infuori di noi. Non ti farai fare il marchio e l’immagine coordinata da nessun altro, men che meno ti prostrerai davanti al cugggino di tuo cognato che sostiene di farlo gratis.

II. Non pronunciare invano le tue idee assurde in riunione, né in fase di briefing né in progress. Tu fai il cliente che alla creatività ci pensiamo noi.

III. Osserva il giorno del sabato e santificalo al riposo dell’agenzia. Se ci dai un brief il venerdì sera alle 18, se ne parlerà solo il lunedì mattina. Sul tardi.

IV. Onora il tuo target. I consumatori non sono cretini, se fai offerte farlocche camuffate da affaroni poi non pretendere che non passino alla concorrenza.

V. Non uccidere le idee dei creativi. Se loro sono creativi e tu no, ci sarà il suo motivo.

VI. Non commettere atti impuri, dalla pretesa di avere i testi di tutto il sito in comic sans all’indire finte gare senza rimborso spese tra noi e l’agenzia con cui hai già deciso di tradirci.

VII. Non rubare le idee ai tuoi competitor e pretendere che noi le replichiamo su tutti i tuoi materiali. Non se ne parla.

VIII. Non pronunciare falsa testimonianza sul tuo prodotto. Almeno entro i limiti del possibile. Se vendi porcherie, prima o poi i consumatori se ne accorgeranno.

IX. Non desiderare i clienti dei tuoi competitor. Evidentemente loro fanno offerte migliori delle tue (vedi comandamento IV). Migliora tu invece di guardare cosa fanno gli altri!

X. Non desiderare l’agenzia dei tuoi competitor (vedi comandamento I). Se ci tratti come la tua seconda scelta verrai trattato come tale anche tu.

Fonte immagine

Il profluvio digitale.

Noè e la crisi della pubblicità.

Agli albori del ventunesimo secolo il Direttore Creativo vide che l’incompetenza di tutte le agenzie sul digitale e sul web era grande, e che ogni progetto concepito in area digital non era altro che male. Il Direttore Creativo disse: “Licenzierò dalle agenzie tutti i copy, gli art, i grafici, gli account e tutti in generale, perché sono pentito di averli assunti”. Solo una piccola web agency, la “Navigare On-line È…”, meglio conosciuta come NOÈ, trovò grazia agli occhi del Direttore Creativo. Continua a leggere