Ovvero: Il mio gatto preferisce Whiskas.

Nelle mie notti di veglia scrittoria, cercando in tv ispirazione per un presto ritorno del sonno perduto, ogni tanto capito davanti a un programma allucinante che si chiama “Pazzi per la spesa”, naturalmente su Real Time che nel suo palinsesto offre sempre il meglio di ciò di cui è capace l’uomo (vedi gente sepolta in casa dalla propria immondizia, chef incazzosi e madri snaturate che spendono due stipendi di un anno per il 6° compleanno della figlia).

“Pazzi per la spesa” non è da meno. Tale programma ha per protagoniste donne statunitensi psicotiche la cui occupazione principale è raccogliere coupon e buoni sconto, riuscendo a spendere il meno possibile per la spesa settimanale, se non addirittura zero. Apparentemente questo è un comportamento virtuoso ed encomiabile. In realtà non si tratta di una spesa normale, o almeno per un italiano non lo sarebbe, perché è ben noto di cosa si nutrono gli americani. Perché mai una famiglia dovrebbe aver bisogno di 80 scatole di tagliolini (ovviamente precotti, surgelati, esempio fulgido di cibo sano), 200 barattoli di maionese (che poi comunque scade…), 800 confezioni di antidolorifici (c’era lo sconto, vuoi non comprarle?), 1200 sacchi di croccantini per cani (la famiglia ha un chihuahua)?

Non si sa. Però c’è la crisi, e questo programma mi fa scattare sempre il rimorso prima e il raptus dello sconto poi, anche se normalmente ho le mani bucate e faccio un uso sconsiderato del denaro, tipo lo do a dei commercianti in cambio di cose. Dopo la visione del programma non resisto, vado subito a cercare sconti e coupon che in Italia non si portano, e a raffrontare i volantini di tutti i supermercati nel raggio di 20 km.

A un certo punto mi viene in mente che un mese fa, in preda a un attacco di buonsenso, ho comprato al supermercato 20 scatole di Pranzetti Whiskas che erano in offerta speciale a 1,50 euro in meno del solito. Non potevo lasciarmeli scappare. Non avevo fatto caso, fino a stanotte, che ogni scatola conteneva un buono sconto di 1 euro per l’acquisto dei croccantini Whiskas Temptations, “fagottini esplosivi di gusto. Ideali per viziare il tuo gatto tra un pasto e l’altro”. Di queste gattesche leccornie posseggo anche dei campioni: non potrei mai andare a comprare, seppur con lo sconto, cibo che i miei gatti non gradiscono, quindi glieli faccio assaggiare. Li divorano in meno di un secondo. D’altra parte sono pur sempre fagottini esplosivi di gusto, come mi scrive il copy su questo adorabile flyerino fucsia col regolamento…

A proposito del regolamento: ma i buoni sono cumulabili? Posso usarne due per comprare una confezione? E i “punti vendita aderenti all’iniziativa” presumo siano solo in Amazzonia. Il copy si è dimenticato di scrivere il link dove consultare tutto il regolamento! Anatema su di lui. Provo a vedere su Whiskas.it: non devo comprare niente, non voglio sapere altro, il copy non riuscirà a fregarmi… E già che sono qui mi iscrivo al Club dei Tigrotti. Perché? Boh, il nome è carino, ci sono foto di gatti ovunque, non so a che mi serve… aiuto…

Il copy ha vinto.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Author Image
About The Author

Daniela Montieri

Lavoro da Roma per clienti e agenzie che sono ovunque fuorché a Roma, il che è comodissimo, soprattutto per Trenitalia. Mi esprimo “in modo strano”, almeno a detta di amici, cosa che però è un vantaggio sul lavoro. Adoro scrivere testi comici, cosa che invece non sempre è un vantaggio sul lavoro. Ho lavorato e lavoro per Expedia, UPS, Lavazza, Q8 Italia, Marcopolo Expert, Banca Popolare di Bari, Alpitour, ING Group, Technogym, Johnson&Johnson, sforzandomi di rimanere seria. Sono la moglie di un mago e mamma felice di due blog e un bellissimo bimbo.

4 Responses to Copy-Self-Victim

  1. Secondo me nel cibo per animali c’è una sostanza che crea dipendenza. Lo vedevo con il mio gatto, quando doveva mangiare una scatoletta diventava aggressivo e molto più affamato cosa che con altre cose non faceva. Giusto così… una nota. Salutoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.