Lo storytelling a NapoliTeoria e applicazioni pratiche

Liberamente tratto da Wikipedia:

Storytelling è una metodologia e disciplina che usando i principi della retorica e della narratologia crea racconti influenzanti in cui vari pubblici possono riconoscersi. Lo storytelling è oggi massicciamente usato dal mondo dell’impresa, dal mondo politico, e da quello economico. Si parla anche di storytelling management per promuovere e posizionare meglio valori, idee, iniziative, prodotti, consumi. (…) Il successo di questa disciplina è determinato dal fatto che il racconto è una forma di comunicazione naturale e intuitiva, capace di coinvolgere le persone.”

Quando ho sentito per la prima volta questo termine, qualcosa si è risvegliato nella mia memoria. A Napoli, in Pignasecca, un quartiere di mercato molto popolare, c’è un’intera famiglia che si mantiene con un’enorme bancarella. Non vendono un prodotto in particolare. Il prodotto cambia a seconda della stagione. Così ad esempio d’estate vendono costumi da bagno, asciugamani, accessori per la spiaggia, eccetera. Ogni volta il “titolare” lancia la sua campagna pubblicitaria e non avendo a disposizione tv, stampa e affissione, lo fa con l’unico mezzo gratuito di cui dispone: la voce, usata a volumi inumani.

Facciamo un esempio pratico.

Prodotto: borse da mare.

La narrazione, tutta rigorosamente urlata, prospetta al target, cioè ai passanti che non possono effettivamente fare a meno di ascoltare, la peggiore situazione possibile, lesiva della stessa dignità di essere umano qualora il prodotto in oggetto non venisse acquistato. Una sorta di negative approach molto maccheronico.

“Accattatev’ ‘a borz! Sinnò cumm’ facit’? Jat’ ‘o mar’ c’asciugaman’ sott’ ‘o bracc’? Ch’ figur’ ‘e ‘mmerd!”

(trad: Compratevi la borsa, altrimenti come fate? Andate al mare con il telo sotto il braccio? Che brutta figura!)

La proiezione mentale di se stessi in spiaggia senza l’indispensabile accessorio in cui tenere portafogli, cellulare e teli, appare nitida, così come tutto il disagio oggettivo che questo provoca. Alcuni cominciano a sudare. A quel punto non comprare la borsa, anche se è veramente orrenda, è praticamente impossibile.

E questo, cari 25 lettori, è lo storytelling.

 

Fonte immagine

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Author Image
About The Author

Daniela Montieri

Lavoro da Roma per clienti e agenzie che sono ovunque fuorché a Roma, il che è comodissimo, soprattutto per Trenitalia. Mi esprimo “in modo strano”, almeno a detta di amici, cosa che però è un vantaggio sul lavoro. Adoro scrivere testi comici, cosa che invece non sempre è un vantaggio sul lavoro. Ho lavorato e lavoro per Expedia, UPS, Lavazza, Q8 Italia, Marcopolo Expert, Banca Popolare di Bari, Alpitour, ING Group, Technogym, Johnson&Johnson, sforzandomi di rimanere seria. Sono la moglie di un mago e mamma felice di due blog e un bellissimo bimbo.

7 Responses to Lo storytelling a Napoli.

  1. Author Image giorgio zigiotti ha detto:

    Geniale questo storytelling, Dovrei trovare un bravo/a Copy che mi scriva la frase giusta per vendere il mio libro. Gio

  2. Anonimo ha detto:

    […] un romanzo (guardatevi la presentazione video: merita). E, per concludere, vorrei suggerirvi un giro al quartiere Pignasecca. Dove sullo storytelling la sanno lunga, anche senza averne mai sentito parlare.Commenti […]

  3. Author Image Matteo Uggeri ha detto:

    Illuminante! Grazie. E ben scritto, ovviamente.

  4. […] background-position: 50% 0px; background-color:#222222; background-repeat : no-repeat; } unpostoalcopy.wordpress.com – Today, 1:11 […]

  5. […] potenzialità dello storytelling. Lo aveva fatto proprio qui, sul Copywriter Blog. Ma anche questo post la dice lunga su ciò di cui […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.